domenica 9 Maggio 21
domenica 9 Maggio 21

Catanzaro, come il Social ti cambia: 7 anni su Facebook raccontati a scorrere di post

Che lo stimolo provenga dal social network di lungo corso, Facebook, o dai tanti attivi oggi sul mercato della comunicazione istantanea, che specula enormi guadagni regalandoci la possibilità di divenire un prodotto commerciale, che tuttavia si esprime attraverso forme svariate d’espressione, comunicando l’ognuno che si nasconde in tutti, sarà generalizzata l’esperienza di aver considerato almeno una volta deleterio il potere di libera comunicazione ampiamente concesso a chiunque.

C’è un dibattito internazionale che va avanti da un paio d’anni, da quando gli stessi creatori degli algoritmi dei vari social network hanno fatto mea culpa, allertando la popolazione mondiale sui seri rischi che si corrono nel divenire soggetti dipendenti di strumenti ideati appositamente, per incollarci ad attività costanti con i vari sistemi tecnologici di uso comune, bombardandoci di pubblicità studiate sulla percezione dei nostri interessi e delle nostre personalità.

informazione pubblicitaria

Tuttavia, per quanti “webeti” possano essere esistiti dalla nascita di Facebook in poi, avvenuta 17 anni fa e di cui proprio in questi giorni ne cade il compleanno, sui social network negli ultimi anni si sono generate la maggioranza di opinioni che hanno segnato gli eventi storici e la geopolitica mondiale.

Con l’arrivo della pandemia ed il lockdown di massa, l’attività tecnologica si è incentivata ed ha coinvolto intere popolazioni di interi Paesi sparsi nel mondo. E’ diventata, quasi per costrizione, e un po’ per comoda scelta, la via più facile da adottare per ogni azione ed interesse, con la quale soddisfare gran parte delle esigenze di una persona.

E’ consapevolezza diffusa che di ogni lato di medaglia ne esiste un rovescio, perciò, se da un lato i social network contengono mine vaganti ed effetti indesiderati annessi, dall’altro possono incrementare e favorire una coesione sociale che precedentemente non poteva esistere.

informazione pubblicitaria

E così sono nati miliardi di gruppi e di pagine, tutte con lo specifico scopo di accomunare più persone e menti in una condivisa identità. Alcuni di questi gruppi hanno costruito attraverso i social delle vere e proprie micro-società.

Ed uno dei primi gruppi social ad esser nati in Calabria, e che oggi ha celebrato 7 anni dalla sua iscrizione su Facebook, è il gruppo Sei di Marina di Catanzaro se.

Nato come contenitore di immagini fotografiche ed opinioni varie, divenuto nel tempo luogo di incontro, di confronto e a volte di scontro e di accesi dibattiti sociali o etici, si è evoluto al passo delle novità e delle regole imposte dal colosso fondato da Mark Zuckerberg nel 2004, andando sempre più ad influenzare la crescita socio-culturale del quartiere marinaro del capoluogo di regione della Calabria.

Persino diversi rappresentanti istituzionali si sono confrontati o hanno raccolto necessità e disagi per tramutare il pensiero popolare in azione politica ed amministrativa. Perché se accade per gli Usa o per la Russia, e perfino per la Cina, accade ovviamente anche per la città di Catanzaro, dove esistono altri gruppi aggregatisi con lo stesso spirito e lo stesso scopo.

Certo, non si diventa tutti amici, esistono ed esisteranno sempre simpatie ed antipatie, rimarranno i variegati punti di vista dei circa 20mila iscritti al gruppo, ma in questi ultimi sette anni la dicitura Sei di Marina di Catanzaro se ha avuto sempre maggior peso sulle sorti del quartiere e già questo dimostra come uno strumento del social network possa servire a qualcosa di pubblica utilità.

Ed allora, auspicando che sempre più responsabile ed autorevole possa essere lo scambio di opinioni e di dialogo per migliorare una struttura sociale che urge di interventi di ristrutturazione per non degenerare nel baratro, l’augurio di crescere e migliorarsi va al gruppo Sei di Marina di Catanzaro se e a tutti i gruppi social della Calabria, che raccontano ormai da tempo la storia, i fatti, le gioie, le paure, le sofferenze, in pratica la vita che scorre, attraverso il rapido e curioso scorrere dei post.

Redazione Calabriaclick

informazione pubblicitaria
informazione pubblicitaria

Altre news

informazione pubblicitaria

Calabria da scoprire

informazione pubblicitaria