mercoledì 19 Maggio 21
mercoledì 19 Maggio 21

Coronavirus: a gennaio rischiano di non ripartire palestre, centri estetici e cinema. Discoteche chiuse

Si prospetta un gennaio con qualche grattacapo per alcune attività che attendono il primo mese dell’anno per la ripartenza in un periodo caratterizzato dal Coronavirus. Il 15 gennaio 2021 dovrebbe essere la data giusta per la riapertura fissa di palestre, piscine, teatro e centri estetici, ma permangono molti dubbi.

Come riporta il Corriere della Sera, infatti, la possibilità di riaprire dipende dalle valutazioni che il governo e il Comitato tecnico scientifico faranno su tutte le regioni in fascia gialla. Un confronto, come confermato dal Cts, è già in atto con il ministero dello Sport per consentire ai cittadini la ripresa dell’attività fisica. Le perplessità, però, sono tante a causa del’indice Rpt, ovvero i nuovi positivi in base ai tamponi effettuati, che nelle scorse ore si è avvicinato al 15%.

informazione pubblicitaria

Per le palestre, entro il 6 gennaio gli scienziati presenteranno una serie di proposte per farle riaprire dopo mesi di stop. Al vaglio ci sarebbero ulteriori ingressi contingentati, nessun iscritto negli spogliatoi e lezione singola con l’insegnante. In piscina, invece, si valuta di far entrare una persona per ogni corsia.

Discorso diverso per cinema e teatri che rischiano di non riaprire non tanto per la presenza di persone all’interno delle strutture (i posti sarebbero dimezzati) ma per il rischio code agli ingressi. Per i musei, invece, non dovrebbero esserci problemi con ingressi contingentati e prenotazioni. Escluso la ripartenza per le discoteche o per gli eventi pubblici con un numero alto di partecipanti. Ovviamente tutto dipenderà dai dati epidemiologici di diffusione dell’epidemia.

Redazione Calabriaclick

informazione pubblicitaria
informazione pubblicitaria

Altre news

informazione pubblicitaria

Calabria da scoprire

informazione pubblicitaria