mercoledì 24 Febbraio 21
mercoledì 24 Febbraio 21

Covid, salta il contact tracing: così il virus è fuori controllo

La crescita dei nuovi casi positivi al coronavirus sul territorio italiano è esponenziale. Significa che non avviene una crescita costante della curva di contagio, perché si tratta di una evoluzione dei numeri che può diventare incontrollabile.

Poche ore fa la Casa Bianca, sede della presidenza USA, ha definito esattamente così il Covid-19 negli States. In Francia i vertici di governo annunciano la concreta possibilità di arrivare a 100.000 contagi al giorno.

informazione pubblicitaria

In Italia siamo arrivati a 21mila nell’ultimo bollettino diffuso. Ed anche se rimane un dato più basso di altri Paesi, ciò che preoccupa seriamente il Governo è l’incapacità dichiarata dalle Asp territoriali di molte regioni ad applicare il contact tracing.

Si tratta del tracciamento di eventuali casi positivi asintomatici nelle persone che hanno avuto contatti con altre persone risultate positive al tampone. Assieme all’App Immuni, rappresenta l’unico strumento per controllare e ridimensionare la diffusione del virus.

Ieri, i Governatori hanno scritto al ministro della Salute Speranza. Hanno confessato di non essere più in grado di testare e rintracciare i casi asintomatici. Lo stesso premier Conte ha ammesso l’esistenza della problematica, spiegando che con ventimila contagi al giorno dobbiamo moltiplicare per dieci il numero di test da eseguire in 24 ore. Si capisce, ha affermato il presidente del consiglio dei ministri, che è molto difficile farlo.

Tuttavia, si ribadisce, è l’unica arma di difesa e parziale prevenzione per scongiurare il disastro. Senza il contact tracing il Covid-19 agisce senza controllo. Per questo la crescita del contagio è esponenziale e può variare, senza che alcuna previsione abbia valore di essere espressa.

In alcuni Paesi è stata proprio l’assenza del contact tracing a generare numeri di casi positivi quotidiani enormi. E’ così che il virus sfugge di mano e dilaga. Ecco spiegate le drastiche misure assunte nelle ultime ore con l’ennesimo Dpcm emanato dal Governo. E nonostante Conte continui a ribadire il suo no ad un nuovo lockdown totale, se il contact tracing cesserà di funzionare, il ritorno alle condizioni della primavera scorsa non è più così impossibile.

Redazione Calabriaclick

informazione pubblicitaria
informazione pubblicitaria

Calabria da scoprire