mercoledì 19 Maggio 21
mercoledì 19 Maggio 21

Scuola, Spirlì: “Calabresi, fuori c’è l’inferno”. Stop anche a Primaria e Medie

“I giovani mi scrivono la loro preoccupazione su Instagram ed i genitori mi contattano per esprimere le loro ansie su Facebook. Tutti hanno paura del Covid e della ripartenza della scuola ed io comprendo”.

Così Nino Spirlì parla ai calabresi dalla sua pagina Facebook in diretta, per annunciare la sua prossima ordinanza sulle scuole in Calabria, dopo il rinvio della ripartenza con le lezioni in presenza negli istituti di secondo grado dal prossimo 11 gennaio, con infanzia, primaria e medie che mantengono lo start a giovedì 7.

informazione pubblicitaria

“Tengo alla cultura dei giovani, – prosegue il Governatore calabrese – ma al primo posto metto la vita. La vita in salute, non solo dei giovani, ma anche di genitori e nonni.

In questa fase ogni tipo di assembramento è pericoloso. Se il Cts mi consiglia di non far svolgere le elezioni regionali per il rischio contagio, la stessa cosa vale per i giovani quando vanno a scuola, compreso il transito per andare e tornare e tutto quello che i giovani fanno nel corso della loro giornata.

Con le scuole aperte i giovani vanno in giro e creano assembramenti. Se i ragazzi stanno a casa si stressano? Allora non siamo stati capaci di educarli. La didattica a casa garantisce sicurezza e crescita culturale. Sembra che l’unico problema sia solo per la didattica a distanza. Ci sono invece insegnanti che si sono adattati molto bene e riescono a seguire i loro studenti.

informazione pubblicitaria

Con questa pandemia vogliamo ancora fare polemica tra la possibilità di garantirli nella salute o mandarli allo sbaraglio? E se contagiano i cari e qualcuno muore, quale senso di colpa drammatico lasceremo a quei ragazzi?

Dobbiamo essere onesti. La didattica a distanza non preclude il futuro dei giovani, non è assolutamente vero. Fuori c’è l’inferno: chi vuole dirmi che i propri figli devono star fuori?

Il progresso farà andare avanti negli studi in modo sicuro i nostri giovani. E ci fa tutelare la loro salute. Oggi firmo l’ordinanza che parte da giorno 7 e prevede la tutela totale dei nostri ragazzi”.

Spirlì non comunica nello specifico la sua decisione, che spiegherà in giornata, ma assicura: “Non preoccupatevi calabresi, non vi deluderò. La mia decisione riguarderà tutte le scuole, di ogni ordine e grado”.

Guarda il video di Nino Spirlì

Redazione Calabriaclick

informazione pubblicitaria
informazione pubblicitaria

Altre news

informazione pubblicitaria

Calabria da scoprire

informazione pubblicitaria