domenica 16 Maggio 21
domenica 16 Maggio 21

Spirlì: “Io la scuola l’avevo chiusa, poi… Genitori rispettiamo la legge” (VIDEO)

“Sono preoccupato per la salute degli studenti calabresi. Sono zio e sono preoccupato per i miei nipoti, come voi tutti calabresi siete in ansia per la salute dei vostri figli e dei vostri nipoti. Chi si è assunto la responsabilità di tenere le scuole aperte deve garantire e assicurare il controllo. Paghiamo il puntiglio di singole persone”.

Così il presidente ad interim della Regione Calabria, Nino Spirlì, si è rivolto alla cittadinanza calabrese attraverso una diretta social, mentre in auto raggiungeva il capoluogo di regione, Catanzaro, per dare chiarimenti alle tante mamme ed ai tanti papà che gli esprimono la loro grande preoccupazione.

informazione pubblicitaria

Una diretta in cui il Governatore ha espresso solidarietà a Reggio Calabria, con un grave problema legato ai rifiuti, e a tutti i comuni calabresi che soffrono le tante problematiche provocate da settimane difficili, in cui anche il maltempo ha fatto la sua parte.

Ma è sulla scuola che Spirlì approfondisce il suo pensiero. Lui, che ricorda di essere stato fermato nella sua decisione di interrompere la frequenza scolastica in presenza negli istituti, emanata con ordinanza bocciata ed invalidata dal Tar Calabria, insiste nel considerare estremamente rischioso mandare gli studenti a scuola, sia per loro stessi che per le famiglie e gli anziani con cui necessariamente vengono a contatto.

“So che siete arrabbiati, – prosegue in video Spirlì – i sindaci hanno deciso ognuno a suo modo nel proprio territorio. C’è chi chiude e chi tiene aperto. io avevo messo ordine, ma mi è stato impedito di farlo. Ora, dobbiamo essere maturi e rispettare la legge, essere garbati nelle rimostranze. Lo diceva Socrate e ce lo hanno insegnato i nostri genitori, la legge si rispetta comunque, anche se non piace. Tuttavia, dico a coloro che per la loro indole di essere puntigliosi hanno stabilito tutto questo, siano ora in grado di assicurare il controllo, per proteggere i nostri cari.

informazione pubblicitaria

La Regione è con voi ed ai genitori degli studenti che frequentano le aule calabresi dico: state all’erta”.

Redazione Calabriaclick

informazione pubblicitaria
informazione pubblicitaria

Altre news

informazione pubblicitaria

Calabria da scoprire

informazione pubblicitaria