mercoledì 24 Febbraio 21
mercoledì 24 Febbraio 21

Tu chiamale se vuoi, emozioni (di Calabria)

Apro Instagram, guardo svariate foto fino a quando il mio sguardo non viene catturato da un cavalluccio marino. All’inizio esclamo “Si troverà ai Caraibi. É meraviglioso”, prima di leggere attentamente la descrizione dello scatto.

Il pesce con la testa che ricorda un piccolo cavallo, però, è stato immortalato nella Baia protetta di Soverato, in Calabria. Si, la Calabria. La mia terra, quella capace di regalare panorami mozzafiato e spettacoli da far imbambolare chiunque. Come questo. La mia reazione è una gamma di emozioni che non si possono spiegare.

informazione pubblicitaria

Mosso dall’entusiasmo, così, invio la foto ad amici e parenti lontani. Sono le 23.58, un po’ tardi per i miei amici Damiano (che sta a Venezia) e Carmine, il quale domani deve svegliarsi presto per aprire il suo bar a Modena. Ma ormai il tasto invia su Whatsapp è stato pigiato, non posso più tornare indietro. In fondo, far ammirare una foto così è importante, oltre ad essere una gioia per gli occhi.

A sorpresa, però, ricevo la risposta di entrambi. Damiano è al settimo cielo. Lui è amante del mare, vivrebbe in acqua perché “mi sento a mio agio”. E poi il mare è sempre il mare, afferma imitando Renato Pozzetto nel film “Il ragazzo di campagna”. Carmine, invece, rivive i ricordi dell’infanzia, quando all’età di 8 anni andava sott’acqua con la mascherina pagata 5000 lire sulla spiaggia. Era arancio e blu, con due vetri di plastica enormi. E vedeva un sacco di cavallucci marini, toccandoli e basta. “Un tuffo al cuore”, mi dice, prima ad elencare tutte le marachelle dell’estate del 1983.

Sono quasi le 2. I ricordi e gli aneddoti di un tempo si sprecano. Nessuno vuole andare a dormire. Il cavalluccio marino, oltre ad aver messo in risalto ancora una volta le meraviglie della Calabria, ha fatto riscoprire la nostalgia e la piacevolezza di una chiacchierata a notte fonda con gli amici di un tempo. E, come cantava Lucio Battisti, scomparso oggi come ventidue anni fa, “Capire tu non puoi, Tu chiamale se vuoi emozioni”.

informazione pubblicitaria
informazione pubblicitaria

Calabria da scoprire