mercoledì 19 Maggio 21
mercoledì 19 Maggio 21

Vaccino Covid, Calabria sempre più ultima: ma si corre ai ripari

La vaccinazione anti-Covid, in questa prima fase – oltre che agli operatori sanitari dei presidi pubblici e privati e agli ospiti delle rsa – sarà estesa anche agli operatori delle case per anziani, a quelli del 118 e dei servizi di emergenza urgenza, al restante personale delle strutture ospedaliere (pubbliche, private accreditate, classificate), a specialisti ambulatoriali, medici di medicina generale, pediatri di libera scelta e assistenti, medici in formazione, specializzandi, tirocinanti, farmacisti di comunità e assistenti, informatori scientifici, volontari a supporto di attività sanitarie, operatori di studi medici veterinari e odontoiatrici, operatori di laboratori privati accreditati.

È questo l’esito dell’incontro al quale hanno preso parte il presidente facente funzioni della Regione Calabria, Nino Spirlì, gli assessori Gianluca GalloFausto Orsomarso e Francesco Talarico e il commissario ad acta della Sanità, Guido Longo.

informazione pubblicitaria

Corre ai ripari la Calabria, o almeno ci prova, dopo l’ennesimo record negativo centrato come ultima regione italiana nella classifica della somministrazione delle dosi di vaccino Covid ricevute.

Sono 25.630 le dosi distribuite in due lotti alla Calabria e, ad oggi, sono 5.603 le dosi somministrate, vale a dire il 21,9%. Calabria ultima e distaccata, perché a parte la provincia autonoma Trento/Bolzano, le altre regioni italiane hanno raggiunto percentuali da quasi il doppio in su.

Redazione Calabriaclick

informazione pubblicitaria
informazione pubblicitaria

Altre news

informazione pubblicitaria

Calabria da scoprire

informazione pubblicitaria